Articolo Successivo:
Photo by Visit Tuscany from Flickr

“Come un coriandolo vorrei volare insieme a te”

Il Carnevale è alle porte, il conto alla rovescia è iniziato e i viareggini stanno vivendo un grande fermento per l’attesa del prossimo 5 febbraio quando ci sarà la sfilata di apertura. Se non siete mai andati al Carnevale di Viareggio, che vi piaccia o no mascherarvi, una volta nella vita ci dovete andare e sono sicura che poi ci tornerete.
Era il 24 febbraio 1873, il giorno di Martedì Grasso, quando tutto è iniziato. Da quella prima festa si è sviluppato il Carnevale di Viareggio così come oggi è conosciuto: un evento spettacolare tra i più belli e grandiosi del mondo. I protagonisti indiscussi di questa manifestazione sono i carri di cartapesta: colossali, suggestivi, satirici e talvolta irriverenti essi traggono ispirazione dall’attualità e dalla politica italiana ed internazionale. A bordo dei carri si vedono brillare ballerini e figuranti che accompagnati dalla musica coinvolgono tutto il pubblico al loro passaggio.

C’è un aspetto del Carnevale di Viareggio che mi ha sempre affascinato ed è la “follia” dei Viareggini. Sia durante i preparativi che durante la festa gli abitanti di Viareggio sono inebriati di allegria. Le feste rionali che si svolgono la sera sono bellissime e coinvolgenti con street food e musica live in ogni angolo del quartiere rionale dove si svolge la festa (ogni weekend un rione diverso). Il freddo non si sente per niente perché si balla e si canta per tutta la notte e alla fine basta essere un po’ astuti ed adeguare la maschera…la maggior parte della gente è mascherata da un animale con vestiti di pelo!

Se volete proiettarvi a pieno nel mondo del Carnevale infine non vi resta che visitare la Cittadella che è il vero e proprio quartier generale. Qui troviamo gli hangar dove vengono costruiti i carri, un museo che racconta tutta la storia del carnevale e poi ci sono laboratori di cartapesta dove si possono fare percorsi didattici, vedere dimostrazioni e addirittura cimentarsi nella realizzazione di opere di cartapesta.

Allora siete pronti? Avete già deciso la vostra maschera?

Photo by Visit Tuscany from Flickr