Articolo Successivo:

L’antica tradizione delle sete lucchesi

Dicembre è un mese bellissimo per venire a Lucca!

In occasione delle festività Natalizie, viene promossa un’iniziativa al quanto originale e degna della nostra attenzione. Nel Laboratorio di Tessitura rustica “Maria Niemack” del Museo nazionale di Palazzo Mansi i volontari dell’associazione “Tessiture Lucchesi” illustreranno i materiali, gli strumenti e l’attività della tessitura, guidando poi i visitatori all’uso pratico dei diversi telai (a quattro e a due licci). Sarà possibile scegliere i filati da tessere per realizzare un piccolo manufatto che ogni partecipante potrà portare via con sé. Altro che mercatini di Natale!

Questa iniziativa non nasce casualmente a Lucca. La bellissima città “dall’alborato cerchio” (così come D’Annunzio la descrisse) vanta di un’antica tradizione di tessitura. Nelle vecchie cucine di Palazzo Mansi è stato allestito un laboratorio di tessitura rustica che è possibile visitare sempre: telai e strumenti otto-novecenteschi recuperati sul territorio e un campionario delle varie tipologie di tessuto, realizzati con questi strumenti. Maria Niemack è la donna a cui spetta il merito di aver recuperato e valorizzato questa antica tecnica e che nel 1975, alla sua morte, donò il laboratorio al museo.

Attraverso paesi come la Cina, l’India e la Persia, l’antica arte della seta è giunta fino in Italia e ha reso la città di Lucca la capitale della seta in Europa durante il medioevo. Grazie alla valorizzazione di questa tradizione, le sete lucchesi sono ancora oggi competitive nel mondo della moda e del design.

Quello della seta è un itinerario che vi porterà a  scoprire la città in modo non convenzionale: saranno protagonisti di questo percorso  i sontuosi palazzi delle famiglie di mercanti e le piazze dove si commerciavano i tessuti. Esiste inoltre un laboratorio atelier in grado di riportarci indietro nel tempo e al duro e paziente lavoro sui telai di legno. In questo atelier lavorano le stesse donne che gestiscono il laboratorio di Palazzo Mansi, esse sono la prova vivente di quanto la seta sia radicata in questa città  e vi racconteranno una favola che dura da tantissimi secoli.